Viaggio in traghetto, come ridurre lo stress negli spostamenti per le vacanze

Se sei un appassionato di questo settore e desideri trasformare la tua passione in lavoro, scopri i nostri Master e Corsi di formazione: Clicca qui.

Considerato come uno dei mezzi più sicuri ed economici per raggiungere le destinazioni turistiche marittime, il traghetto è anche il sistema di trasporto che riduce lo stress da spostamento. Nei periodi che precedono l’estate, quando gli amanti del mare iniziano le proprie ricerche su internet per trovare il miglior mezzo per raggiungere la meta desiderata, spesso si parte da quello più veloce, l’aereo. Ma a ridosso dell’alta stagione è più probabile che ci sia un’impennata delle cifre dovuta a un aumento della richiesta. Motivo per cui capita di “ripiegare” su un mezzo più economico. Bene, secondo quanto appreso il traghetto è il giusto compromesso per non lanciarsi in contesti troppo onerosi.

Le comodità di spostarsi in traghetto.

Ma ciò che rende una traversata in traghetto un’esperienza sempre unica e particolare, è la comodità. Sì, perché a differenza di tutti gli altri mezzi di spostamento, questo permette di potersi muovere liberamente a piedi, a bordo dello stesso. C’è tutto quello che serve per potersi svagare, spazi interni e all’aria aperta, per ammirare il mare e le coste che si stanno per raggiungere, e tra l’altro consente di poter imbarcare anche le auto, per chi avesse necessità della propria macchina una volta sbarcato sull’isola appena raggiunta. In sostanza, riduce di parecchio lo stress. Se da un lato viaggiare in auto costringe conducente e passeggeri a ore di immobilità forzata, seduti sui sedili, stesso discorso vale anche per chi prende l’aereo, con l’aggravante che alcuni passeggeri hanno anche timore di volare, sensazione che aumenta ancora di più la tensione.

traghetto istituto europeo del turismo 1

In traghetto invece, è completamente diverso, anche per chi non è a proprio agio con il mare. Il fatto di non essere mai fermi in un posto ma di poter girovagare liberamente rende la partenza o il ritorno più leggeri. Il discorso vale per ogni genere di viaggiatore. Se si parte per una traversata notturna, infatti, si può scegliere se prenotare una cabina, per poter riposare tranquillamente su un letto, come se si fosse a casa; oppure c’è il passaggio ponte, tanto amato dai gruppi di ragazzi in vacanza. Certamente un po’ più stancante, in quanto si deve passare la notte all’aria aperta, in pieno mare. C’è però chi è abituato e non riesce più a farne a meno.

L’Italia è uno dei paesi con i maggiori collegamenti tramite traghetto verso altri paesi. Si pensi alla Grecia, Croazia, Montenegro, Albania, per quanto riguarda la zona del Mar Adriatico. Spostandosi sul Tirreno, poi, dagli scali di tutta la costa ci si può imbarcare verso le due isole italiane, Sicilia e Sardegna. Oppure Spagna, Francia e Tunisia. Insomma, c’è davvero l’imbarazzo della scelta e dato che l’estate è alle porte, bisogna affrettarsi nel decidere la prossima meta per potersi garantire un posto al miglior prezzo.

ArabicChinese (Simplified)DutchEnglishFrenchGermanItalianPortugueseRussianSpanish